Europportunità

DALLA PROVINCIA....ALL'EUROPA!!

In questo sito troverete tutte le opportunità offerte dalla Provincia di Piacenza per lavorare e studiare in tutta Europa.

Avrete la possibilità di usufruire di servizi affidabili, sicuri e garantiti da un ente importante come l'Unione Europea.

 

QUINDI, SE AVETE INTENZIONE DI FARE UN'ESPERIENZA LAVORATIVA O SCOLASTICA IN GIRO PER L'EUROPA, DATE UN'OCCHIATA A QUESTO PORTALE E POTRETE IN UN BALENO PASSARE DALLA PROVINCIA...ALL'EUROPA!!

LAVORA IN EUROPA!!

La rete EURES ha lo scopo di fornire servizi ai lavoratori e ai datori di lavoro nonché a tutti i cittadini che desiderano avvalersi del principio della libera circolazione delle persone. I servizi prestati sono di tre tipi: informazione, consulenza e assunzione/collocamento (incontro domanda/offerta).

EURES rappresenta molto di più del portale della mobilità professionale che stai visitando.

EURES dispone di un rete di più di 700 consulenti EURES che ogni giorno sono in contatto con persone alla ricerca di un impiego e datori di lavori in tutta Europa.

EURES ha un ruolo particolarmente importante da svolgere nelle regioni europee transfrontaliere, rispondendo alle esigenze di informazione e aiutando a risolvere tutti i problemi legati al pendolarismo transfrontaliero che possono toccare lavoratori e datori di lavoro.
Istituita nel 1993, EURES è una rete di cooperazione che collega la Commissione europea e i servizi pubblici per l'impiego dei paesi appartenenti allo Spazio economico europeo (i paesi dell’UE più la Norvegia, Islanda e Lichtenstein), la Svizzera e altre organizzazioni partner. Le risorse congiunte dei membri EURES e delle organizzazioni partner fornisce una base solida che permette alla rete EURES di offrire servizi di qualità elevata a lavoratori e datori di lavoro.

DAI UN'OCCHIATA AD ALCUNI ESEMPI DI OFFERTE DI LAVORO CHE PROPONE LA PROVINCIA DI PIACENZA!!

STUDIA IN EUROPA!!

Il progetto denominato Eurodesk nasce in Scozia nel 1990. L’idea alla base è quella di favorire l’accesso dei giovani alle opportunità di mobilità (studio, lavoro, formazione, volontariato, conoscenze, esperienze) offerte loro dai programmi comunitari.
Tale accesso, infatti, era (ed in molte località lo è ancora) problematico a causa sia della scarsità di informazioni disponibili (particolarmente in quelle che risultano essere le “periferie” dell’Europa), sia per l’oggettiva difficoltà, da parte dei giovani, di comprensione e decodifica delle informazioni stesse (bandi, formulari, co-finanziamenti, ecc.).

Fin dall’anno successivo, Eurodesk si diffonde nel Regno Unito e nel 1995, con il co-finanziamento della Commissione Europea, la rete Eurodesk diventa europea con il coinvolgimento di Danimarca, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna.
Nel 1997, insieme ad altri 7 Paesi europei, l’Italia avvia il servizio di informazione ed orientamento dei giovani sulle opportunità europee e dal 1999 ogni Paese membro della rete Eurodesk implementa una rete nazionale di Punti Locali Decentrati.
Nel 2005, Eurodesk è divenuta la struttura ufficiale di informazione del programma comunitario Gioventù e la rete comunitaria di informazione sulle politiche giovanili promosse dall’Unione Europea.

A marzo 2010, la rete europea Eurodesk è formata da 30 Paesi e conta oltre 1.000 Punti Locali su tutto il territorio europeo.

Attraverso l’ampio radicamento territoriale, Eurodesk vuole supplire alla distanza (geografica e di linguaggio) tra destinatari finali dei programmi europei in favore dei giovani e fonti di informazione sugli stessi: una rete permanente di strutture e centri ospita difatti un/a o più Referente/i Eurodesk che veicolano gratuitamente informazioni aggiornate, attendibili e facilmente comprensibili, ai giovani, agli operatori e a tutti coloro che a vario titolo si occupano del mondo giovanile.